Chiama ora! Prenota ora

 

Studio Medico San Francesco

L’IPERTENSIONE ARTERIOSA

Ipertensione ArteriosaCOSA E’ : 

L’aumento della pressione nelle arterie.

QUALI SONO I VALORI NORMALI ? 

Valori inferiori o uguali a 140 per la pressione massima  ed inferiori ad 80 per la minima.

PERCHE’ ESISTONO DUE VALORI ? 

Perché il cuore non spinge il sangue in modo continuo, bensì contraendosi e rilasciandosi spinge il sangue in maniera intermittente.

 QUALI SONO LE CAUSE ? 

Nel 95% è ignota, i normali meccanismi di regolazione diventano meno precisi ed inefficaci. I farmaci agiscono su questi meccanismi. In questi casi è una malattia cronica.

Nel 5% è causata da disfunzioni ormonali,patologie delle arterie renali o severa obesità, che possono essere curate in modo definitivo. 

I SINTOMI ? 

La maggior parte dei pazienti non ha sintomi ,  ne viene a conoscenza per un controllo casuale. Alcuni possono presentare cefalea, altri mancanza di fiato sotto sforzo 

COSA PROVOCA ? 

la pressione alta non curata causa microtraumi alle arterie dell’organismo. I danni che ne conseguono dipendono dal vaso coinvolto (ictus o emorragie cerebrali per i vasi della testa, infarti per le arterie coronarie, insufficienza renale per le arterie renali, aneurismi per lo più a livello aorta e così via)

 E’ UTILE CURARLA ? 

L’ipertensione è definita il grande killer silenzioso. 

Per fortuna i danni compaiono dopo anni di trascuratezza. 

DEVO AVER PAURA DEI PICCHI IPERTENSIVI ? 

Salvo valori molto elevati (>180/120), i picchi isolati non devono spaventare. Fanno più danni valori più bassi ma costanti nel tempo. Durante la giornata, in tutti noi, i valori pressori oscillano in base ad emozioni, stress, attività fisica, temperatura esterna… L’importante e che le oscillazioni rientrino per lo più nei valori normali. 

I FATTORI DI RISCHIO ? 

L’associazione dell’ipertensione con il fumo, il colesterolo alto, il diabete, l’obesità, o la predisposizione genetica per infarti, amplifica di molto il rischio delle complicanze. Tutti devono curare la pressione ma chi ne ha più beneficio è chi ha più fattori di rischio associati

 COSA FARE ? 

Mangiare poco salato. Perdere peso. Svolgere attività fisica.

 QUALI FARMACI USARE ? 

Esistono molte famiglie di farmaci, ciascuna con caratteristiche differenti ed efficacia diversa a seconda del singolo paziente.Non tutti i pazienti possono assumere i farmaci del “conoscente”.

Prenota ora

PRENOTA ORA

Dott.ssa Carvalho Paula

Dott. Previti Antonino

VISITA CARDIOLOGICA

0
0
0
s2sdefault