Chiama ora! Prenota ora

 

Studio Medico San Francesco

elettroneurografia e l'elettromiografia

L'EMG viene richiesto solo in casi specifici ed è eseguito esclusivamente dal Medico Neurofisiologo mediante l'introduzione di un ago-elettrodo nei muscoli. L'EMG permette di valutare la presenza di una sofferenza muscolare e rappresenta un completamento dell’elettroneurografia.

L'ENG, invece, è la misurazione della velocità di conduzione dei nervi per mezzo di uno stimolo elettrico applicato ad un nervo periferico del braccio o della gamba. Essa consente di stabilire la presenza di un danno neuropatico.

come si esegue l'engCome si esegue l'ENG?
Lo stimolatore viene posizionato su punti specifici del nervo da indagare, dove un impulso locale si propaga lungo tutto il suo corso per essere poi registrato, a livello del muscolo innervato, da elettrodi di superficie.  Stimolando il nervo in almeno due punti e misurando la distanza tra questi, è possibile calcolare la velocità con cui il nervo conduce lo stimolo elettrico.

Quando si esegue l'ENG?

L'ENG viene richiesta nei casi di polineuropatie (la più comune quella diabetica) e neuropatie infiammatorie oppure nelle neuropatie locali da compressione meccanica (STC: Sindrome del Tunnel Carpale).                           

Possono essere studiati tutti i nervi accessibili agli elettrodi di stimolazione e di derivazione.

 FAQ

 Quanto dura l'esame?

La durata varia da 15 a 40 minuti a seconda della complessità di ciascun caso.

Il protocollo per la Sindrome del Tunnel Carpale (patologia ad altissima frequenza, soprattutto fra le donne) comporta una durata del test minima.

 Ci sono delle controindicazioni?

E' controindicato eseguire l'ENG su pazienti portatori di pacemaker cardiaco in quanto la stimolazione elettrica potrebbe arrecare danni all'apparecchio.

 Quali sono i rischi?

L'esecuzione dell'ENG non mette, in alcun modo, in pericolo il paziente.

 Cosa bisogna fare prima di eseguire un ENG?

Non è necessaria alcuna precauzione. Se si è sotto cure farmacologiche, è bene continuare con le normali assunzioni; a meno che il medico curante non lo vieti espressamente.

E' doloroso?

L’esame è generalmente ben tollerato: viene eseguito su neonati, bambini, adulti ed anziani.

Cosa succede dopo l'esame?

Il paziente può tornare a casa da solo e guidare senza alcun problema.

Chi esegue l'ENG?

Il Tecnico di Neurofisiopatologia è abilitato all'esecuzione dell'elettroneurografia. Egli viene formato durante uno specifico corso di laurea triennale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia. Il Medico Neurofisiologo, invece, è colui che si occupa del referto   

Il referto sarà disponibile in pochi giorni.

Dott.ssa Godino Jessica

VISITA NEUROLOGICA

0
0
0
s2sdefault